Carciofi detox

Le mie storie

Arriva la bella stagione e (leggere con un po’ di ironia) impossibilenonparlaredidetox!

Scherzi a parte, la Primavera è il periodo giusto per nutrirsi con alimenti che ci aiutano a depurarci dalle “tossine invernali”.

Io, con molta gratitudine, rimango sempre molto sorpresa da come Madre Natura, in ogni stagione, con attenzione alla nostra salute, ci dona tutto quello che è necessario allo scopo.

In inverno, ad esempio, ci fornisce di agrumi per la vitamina C;  in estate , con la bella frutta e la verdura, non ci fa mancare il potassio  e i sali minerali che potremmo “sudare” via… ed ecco che in Primavera a nostra disposizione abbiamo magnifici asparagi, drenanti e “ripulitori” di radicali liberi; ma, tra i molti ortaggi e frutti, abbiamo anche i carciofi, buonissimi sia crudi in pinzimonio, oppure tagliati finissimi sul carpaccio, ma eccellenti anche cotti, con tantissime ricette fantasiose.

Poi dei carciofi non si butta niente! Neppure le foglie che, lavate ben bene, sono utili per decotti depurativi, oppure tritate nei minestroni di verdura, dove conferiscono un gusto piacevolmente amarognolo.

Insomma in poche parole abbiamo detto che fondamentale è cibarsi di prodotti di stagione, freschi e possibilmente coltivati vicino alla nostra abitazione, il famoso Km 0.

Quella che troverete nelle mie ricette è quella che ho sempre visto fare a mia nonna Rosalia, classe 1910, nata in riva al mare in Sicilia.

Non so se è una ricetta siciliana, non ha molta importanza, la cosa certa è che i carciofi cucinati così sono buonissimi e ci fanno pure riciclare le cortecce di parmigiano avanzate. Il che non guasta.

Condividi sui social

Menu